Acqui Terme

Sulla sponda sinistra del fiume Bormida, tra le colline dolcemente ondulate del Monferrato, sorge Acqui Terme, un’antica cittadina di origine romana che ha tanto da offrire dal punto di vista culturale ed enogatronomico.

Tappa d’obbligo per chi arriva in città è Piazza della Bollente, cuore del centro storico acquese e simbolo della città. Qui si trova un’edicola ottagonale realizzata in marmo, che circonda una fonte termale dalla quale sgorga acqua bollente dalla proprietà curative. Per chi volesse concedersi un po’ di relax, consigliamo una visita alle Nuove Terme, dove si possono ammirare inoltre le fontane monumentali “delle Ninfee”.

L’acquedotto romano, visibile dal ponte sul Bormida Carlo Alberto è un altro sito di grande interesse. Costruito da 15 pilastri e 4 archi, risale al periodo imperiale e si tratta di una tra le strutture di quest’epoca meglio conservate in tutto il nord Italia.

Dopo aver conosciuto le bellezze di Acqui, non c'è cosa migliore da fare che assaporare le prelibatezze enogastronomiche del territorio. Nei ristornati cittadini potete gustare la formaggetta di capra, forse la specialità più rappresentativa, la farinata, piatto tipico di basso Piemonte e Liguria ottenuto da un impasto di farina di ceci, e i diversi piatti a base di funghi che crescono in abbondanza nelle zone collinari. Il pasto va rigorosamente “innaffiato”  con una buona bottiglia di vino, scelta tra Dolcetto, Cortese o Barbera, e concluso con un vino da dessert come il Moscato o il Brachetto. 



.